Si è svolta nei giorni scorsi nella Sala dei Capitani di Palazzo S. Giorgio a Genova il seminario ‘Il mare e il prodotto interno lordo’, organizzato dalla Federazione nazionale dei        Cavalieri del lavoro nell’ambito di una nuova iniziativa didattica che porterà ogni anno gli studenti del Collegio universitario ‘Lamaro Pozzani’, da essi sostenuto, a visitare una differente città italiana significativa per un particolare settore della produzione industriale di beni o servizi.


Dopo un saluto di Paolo Emilio Signorini, presidente del Sistema portuale del Mar Ligure Occidentale, sono intervenuti: Marco Baldi, responsabile area territorio ed economia Censis, che ha illustrato dimensioni e caratteri delle attività marittime nei Rapporti sull’economia del mare; Umberto Masucci, vicepresidente Federazione del Mare, intervenuto sul cluster marittimo come fattore di sviluppo in Italia; nonché i cavalieri del lavoro: Alcide Ezio Rosina, vicepresidente Confitarma, soffermatosi sull’economia dello shipping; Ugo Salerno, presidente a. d. RINA SpA , che ha messo l’accento sull’importanza dello shipping nell’equilibrio politico ed economico globale, specialmente alla luce delle nuove iniziative cinesi. Ha concluso Giovanni Novi, presidente Gruppo ligure dei Cavalieri del lavoro.

Nel suo intervento, Umberto Masucci ha osservato: “Mi pare significativo che, nell’avviare un nuova attività didattica, il Collegio universitario dei Cavalieri del lavoro abbia voluto dare spazio in primo luogo alle attività del cluster marittimo, che trovano a Genova la loro sede più tradizionale. L’Italia è un paese con un enorme sviluppo costiero e insulare, ricco di insediamenti e città che hanno centrato il loro sviluppo economico e sociale sulle attività legate al mare: quella italiana è la seconda industria manifatturiera d’Europa e riceve la maggior parte delle materie prime e semilavorate attraverso i porti, le trasforma e le esporta di nuovo per mare. La nostra flotta mercantile è tra le principali (la bandiera italiana è la terza tra gli stati del G20), così come la  cantieristica e la nautica. Il nostro paese è al primo posto in Europa come meta croceristica. E tutto ciò ha ricadute importanti su tutta l’economia: ogni anno, 20 miliardi di euro in beni e servizi vengono acquistati dalle imprese del cluster marittimo negli altri settori economici”

Marco Baldi, a sua volta, ha ricordato come siano passati più di 20 anni da quando la Federazione del Mare e il Censis pubblicarono il 1° Rapporto sull’Economia del Mare, mettendo a punto un sofisticato metodo di stima del valore economico e occupazionale del cluster marittimo italiano. “Nel confronto con il passato emerge chiaramente che le attività che hanno a che fare con il mare –  dallo shipping, alla cantieristica, alla nautica, passando per le svariate attività portuali e per la pesca – presentano un livello di scambio e di integrazione con altre branche dell’economia sempre più stretto. A conferma di questo è importante segnalare che mentre le unità di lavoro impegnate direttamente nelle attività marittime sono cresciute negli ultimi 20 anni del 39,3% (circa 48.000 unità in più), quelle nelle attività “a monte e a valle” della filiera marittima sono cresciute del 61% (+162.600). L’economia del mare, dunque, si conferma un ambito nel quale le attività e gli investimenti settoriali giocano un importante ‘effetto traino’ su ampie porzioni dell’economia nazionale. L’ultimo Rapporto sull’economia del Mare, presentato alla fine del 2015, ha confermato che le attività marittime costituiscono uno dei settori più dinamici dell’economia italiana contribuendo al PIL nazionale per 32,6 miliardi di euro (2,03%) e occupando circa il 2% delle forze di lavoro del Paese (471mila persone fra addetti diretti ed indotto)”.

 

 

Il 27 settembre, alle 7.10, il vicepresidente della Federazione Umberto Masucci interverrà su Rai 1 nel corso della trasmissione Unomattina, per parlare delle dimensioni dell’economia marittima e della sua importanza per il Paese, anche alla luce del caso Fincantieri – STX.

http://www.raiplay.it/video/2017/09/Accordo-Fincantieri-STX-per-laposacquisizione-del-27092017-67c5d0e7-3fbe-4bb3-b097-c36f8f93b90f.html

 

 

 

L’economia del mare in Italia è un segmento molto importante per lo sviluppo del Paese. Una fotografia del settore a circa un anno dall’entrata in vigore della Riforma della Portualità e della Logistica e della normativa Solas sulla pesatura dei container. Massimo De Donato ne parla con Umberto Masucci, vicepresidente Federazione del Mare su Radio 24

Link: Radio 24

 

 

 

Il Vicepresidente della Federazione del Mare, il cluster marittimo italiano, Umberto Masucci interviene a Linea Blu sull’importanza del Porto di Gioia Tauro e dell’Economia Marittima

 

http://www.raiplay.it/raiplay/video/2017/08/Linea-Blu-Bagnara-Palmi-8584bbd5-ef2f-41ac-a45b-a79036e8a58e.html

 

L’intervento di Masucci parte dal minuto 44

(ANSA) – MILANO, 2 FEB – In Italia la cosiddetta “Economia del mare” è un mondo complesso che coinvolge porti, armatori, imprese di trasporti, infrastrutture (stradali e ferroviarie), logistica. Ma tutti sono concordi nel ritenere che l’Italia ha un potenziale vantaggio rispetto al resto dei suoi competitor: è – geograficamente – la naturale “porta d’ingresso” per le merci che puntano sul Mediterraneo per entrare in Europa. E’ “un vantaggio geografico enorme” che andrebbe sfruttato meglio, e per questo sarebbe opportuno creare un Ministero del Mare.

E’ quanto emerso oggi a Milano ad un convegno in Assolombarda che per due giorni vede riuniti i rappresentanti di tutte le principali realtà del settore: enti pubblici (dal Ministero alle Autorità Portuali), associazioni di categoria, industria privata. Il mondo della cosiddetta “economia del mare” (logistica, trasporti, portualità) “da atto” al Governo, e in particolare al ministro Graziano Delrio, che dopo anni di stallo “negli ultimi 24 mesi qualcosa si è messo in moto” per quanto riguarda portualità e logistica. Ma non basta, si può e si deve fare di più, perché l’Italia ha tutto da guadagnare a dotarsi di infrastrutture portuali, autostradali e ferroviarie efficienti.

“La sola logistica – ha rilevato Assolombarda – costa al sistema 13 miliardi di euro l’anno”. Per questo l’incontro “Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry”, organizzato dall’ associazione International Propeller Clubs, Federazione del Mare, Assologistica e altri punta a mettere a confronto Logistica e Shipping con l’Industria. “E’ incontro decisivo – ha sottolineato il presidente nazionale dei Propeller Clubs, Umberto Masucci -. Tutti dobbiamo dare atto che il ministro Delrio ha cambiato una situazione che si era fatta stagnante. La nostra portualità è cambiata. Ora bisogna passare alla fase dell’implementazione. Per l’industria italiana quello della portualità può essere il tema vincente”.

La riforma dei porti varata dal Governo Renzi e che il Governo Gentiloni sta portando avanti consente di aprire per l’Italia quella che è stata definita una “fase intermodale” non solo nuova, ma fondamentale per la competitività dell’intero sistema. Lo ha riconosciuto anche Paolo D’Amico, presidente della Federazione del Mare, l’organizzazione che raggruppa i diversi comparti del cluster marittimo italiano. “In Italia – ha ricordato D’Amico – siamo passati da 6 a 10 miliardi di tonnellate di merce all’anno via mare. I nostri porti registrano 4.600 ‘toccate’ di navi da crociera. E in Italia, siamo campioni nei trasporti ro-ro passenger ship (traghetti), campioni nel trasporti di prodotti chimici, campioni nel trasporto dei beni alimentari, campioni nelle crociere”. Per tutto questo secondo d’Amico lo Stato, “che pure si sta muovendo nella giusta direzione”, dovrebbe dotare il sistema di “Ministero del Mare vero e proprio. Altrimenti tra Infrastrutture, Lavori Pubblici e Pubblica Amministrazione si fa confusione”. Le attività marittime producono ogni anno beni e servizi per un valore pari a 33 miliardi di euro (2% del pil), di cui 6,2 miliardi esportati, fornendo occupazione a 500 mila persone.

“Guai se passasse l’idea di Trump secondo cui il protezionismo è un bene. Per l’Italia, che vede nelle sue merci uno dei suoi elementi di ricchezza, sarebbe un disastro” ha concluso D’Amico.

 

A questo link l’articolo de La Stampa con le dichiarazioni rilasciate da Paolo d’Amico al Meeting di Milano Shipping Forwarding &Logistics meet industry: La Stampa

Al link del Canale You Tube della Federazione Le interviste di Paolo d’Amico, Presidente della Federazione del Mare Riccardo Fuochi, Presidente The International Propeller Club of Milan e Rosario Bifulco, Vice Presidente Assolombarda a Shipping, Forwarding&Logistic Meet Industry, Assolombarda Milano 2 Febbraio 2016: Clicca qui

 

Il Gotha della economia marittima, spedizioni, e logistica si presenta per la prima volta compatto al mondo industriale italiano. 
Fra le aziende partecipanti al Forum e ai Workshop: Arvedi, Rizzoli Delicius, Miroglio, BPM, Mercati e Associati, Zerbinati, Solvay, Air Liquide, Versalis,

Grande partecipazione alla I edizione di Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry, la manifestazione che ha riunito per due giorni in Assolombarda i protagonisti dello shipping, della logistica, delle spedizioni e dell’Industria italiana, coinvolgendo oltre 700 iscritti. La manifestazione, promossa da The International Propeller Clubs, Federazione del Mare, Alsea, Assologistica e Assolombarda e organizzata da Clickutility Team, ha inaugurato con una SESSIONE ISTITUZIONALE in cui sono stati delineati i punti di forza e le direttrici di sviluppo del cluster logistico nazionale evidenziandone il contributo essenziale alla crescita competitiva del sistema industriale italiano. Nell’arco delle due giornate si sono alternati SEMINARI e WORKSHOP in linea con le tematiche della manifestazione che hanno registrato un forte coinvolgimento da parte dell’Industria sensibilizzata sull’importanza della logistica in ogni fase produttiva, dalla pianificazione alla produzione stessa. Ringraziamenti da parte di Riccardo Fuochi presidente del Propeller Milano ai promotori: Propeller (nazionale e Milanese), Alsea, Assolombarda, Assologistica e Federazione del Mare che hanno appoggiato e creduto sin da subito nella manifestazione. “Siamo riusciti in questa prima edizione a far colloquiare e dialogare il cluster marittimo, quello della logistica con l’Industria e il Commercio e, soprattutto, a evidenziare le eccellenze del nostro settore logistico, altamente competitivo, assieme alle problematiche legate alle infrastrutture.

Il Mondo del Mare, mezzo milione di persone impiegate, ha un’importanza essenziale ai fini dell’Industria – ha sottolineato Paolo d’Amico, Presidente di Federazione del Mare – perché il manifatturiero, settore primario per l’economia italiana, importa e trasforma materie prime che riceve grazie al mare e necessità di una logistica efficiente e che funzioni. In un mondo circondato per 2/3 dal mare non possiamo ignorare l’importanza del dialogo tra Porti e infrastrutture e di un commercio sul Mare che negli ultimi 10 anni è quasi raddoppiato. A oggi manca un interlocutore dedicato da parte del Ministero e ci auguriamo che questo Forum serva a sensibilizzare lo Stato in tal senso.

Una sessione plenaria introdotta da Rosario Bifulco Vicepresidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza con delega alla Competitività territoriale che ha dichiarato: “Il nostro sistema logistico è chiamato a esprimere servizi altamente efficienti per aumentare la competitività nazionale e internazionale delle imprese e dei territori. L’Italia, infatti, è una delle principali porte d’accesso all’economia europea e del Medio Oriente. Per questo è fondamentale per il nostro Paese sviluppare un’efficace politica industriale per le imprese logistiche, che sia in grado di sostenere le aziende italiane nella sfida della competizione globale. L’incontro di oggi rappresenta un importante momento di confronto per far emergere le opportunità di collaborazione tra i fornitori di servizi logistici e le imprese manifatturiere e abbattere le inefficienze che, secondo recenti stime, costano al sistema della produzione industriale circa 13 miliardi l’anno”.

L’Associazione Lombarda Spedizionieri e Autotrasportatori è da anni impegnata nel fornire un servizio complesso, che spazia dalla consulenza doganale, fiscale e trasportistica alla ricerca della migliore via per le merci della clientela; dalla gestione dei flussi, materiali e immateriali, alla consegna nei tempi e nei modi previsti. Con la nostra partecipazione a questo evento – sottolinea Betty Schiavoni, Presidente di ALSEA –  cercheremo di presentare, come associazione che rappresenta il mondo dei trasporti, delle spedizioni e della logistica, quali siano le eccellenze delle nostre imprese ma anche gli aspetti che più spesso generano incomprensioni con la clientela, in modo da risolverli all’origine”.

“Da sempre la nostra Associazione è in prima linea nel far comprendere e difendere il ruolo strategico della logistica, attività che funge da insostituibile volano della nostra economia e da supporto indispensabile per le aziende della produzione e della distruzione del nostro Paese – afferma Andrea Gentile, Presidente di Assologistica -. Siamo quindi perfettamente allineati con quello che vuole essere il focus dell’evento in programma presso Assolombarda. Siamo inoltre certi che da un confronto/coinvolgimento di tutte le ‘anime’ del mondo della logistica e dei trasporti possano emergere importati spunti di riflessione, anche per i decisori politici”.

 

Fra i partecipanti al Forum e alle Sessioni: Irene Rizzoli, AD di Rizzoli Delicious, Luca Manzoni, Responsabile Corporate, Banco BPM Pierluigi Zamboni, Direttore Logistica, Zerbinati, Davide Italia, Responsabile Sicurezza Trasporti e DGSA Settore bombole e liquidi, Air Liquide Italia Services Fabio Giovanni Atzei, Responsabile Logistica Distributiva, Versalis, Marco Onnembo, responsabile della funzione Cross & Multinational Customers, Telecom Italia, Ezio Pellegro, Sales & Marketing Director, Noka, Paolo La Bruna, Logistic Manager, Acciaieria Arvedi, Fabrizio Vettosi, DG di Venice Shipping Logistics, Piero Abellonio, Responsabile della logistica, Gruppo Miroglio

Quattro i workshop che nell’arco dei due giorni hanno approfondito i settori di maggiore interesse per la logistica italiana. Garantire la qualità dal produttore al consumatore obiettivo primario della logistica dell’alimentare dedicato al settoreAGROALIMENTARE ha affrontato il tema della qualità dell’agroalimentare italiano quale il selling point per mantenere la propria competitività. Il segmento “logistico” di questa ricerca della qualità si traduce nella conservazione del prodotto dalla produzione fino alla tavola del consumatore e nella qualità del servizio, dalla consegna nei tempi previsti e ai costi pattuiti e con tutta la documentazione necessaria alla lavorazione o commercializzazione del prodotto. La sfida delle normative e del servizio spinge l’innovazione, il workshop dedicato ai settoriCHIMICA&PHARMA ha approfondito, attraverso due punti di vista, il tema della crescente domanda di servizi just-in-time di alto livello e di una costante innovazione della logistica in questi settori, offrendo una panoramica sulle eccellenze esistenti in Italia.

Just in time uber alles, il workshop dedicato a METALLURGIA&MECCANICA, settori con la supply chain più articolata, sia in entrata che in uscita dall’azienda in cui la logistica entra sempre in gioco, dall’acquisizione delle materie, alla produzione, distribuzione e assistenza post-vendita. Ogni azienda ha una sua caratterizzazione e, nello stesso ambito, va distinta una logistica di produzione da una dei ricambi, quest’ultima molto più complessa e oggi comunque decisiva per il successo. Made in Italy: dalla rete distributiva all’e-commerce, una sfida anche logistica che si è focalizzato sulla scelta di numerosi marchi italiani di puntare sull’e-commerce canale che permette di mantenere la qualità del prodotto riducendo i costi della rete distributiva con effetti positivi sul fatturato.

Soddisfazione da parte degli organizzatori per questa I edizione e per aver creato per la prima volta un’opportunità di incontro e di confronto tra le eccellenze del sistema logistico e i rappresentanti del mondo industriale e finanziario che diventerà un appuntamento annuale.www.shippingmeetsindustry.it

LA FEDERAZIONE DEL MARE INCONTRA LA SQUADRA NAVALE DELLA MARINA MILITARE

 

L’incontro riflette la visione globale che vede l’attuale millennio caratterizzato da una  “crescita blu” 

Segui le novità della #MarinaMilitare live su Twitter: @ItalianNavy #ProfessionistiDelMare

 

 

Mercoledì 25 gennaio si è svolto presso il Centro Operativo della Marina Militare un incontro tra  la Federazione del Sistema Marittimo Italiano (Federazione del Mare), organizzazione che riunisce gran parte delle attività marittime civili del Paese, e i vertici della Marina Militare.

Il Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio Donato Marzano, ha illustrato il supporto che lo strumento aeronavale può fornire alla navigazione mercantile nazionale, attraverso un’azione mirata per preservare il libero uso del mare.

L’incontro si inserisce nell’alveo delle attività istituzionali del Comado in Capo della Squadra Navale e riflette una visione internazionale, europea e globale, che vede il millennio appena iniziato caratterizzato da una  “crescita blu” su cui puntare, per uno sviluppo sostenibile, in un contesto dove la marittimità rappresenta una risorsa fondamentale per la crescita commerciale, occupazionale e tecnologica.

Una visita/incontro per ricercare nuovi ambiti di collaborazione e sinergie utili ad incrementare la sicurezza marittima, con l’accesso in sicurezza alle rotte ed ai porti  nelle aree di crisi,  a disporre di una rapida reazione alle minacce che si presentino, a fornire allo shipping un servizio di “advisory”, con informazioni riguardanti soprattutto i rischi sulla sicurezza militare.

Il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Valter Girardelli, intervenuto in conclusione dei lavori, ha rimarcato  l’importanza della cultura marittima e della cultura marinara per un futuro di sviluppo economico. Dal suo canto per il cluster marittimo il presidente della Federazione del Mare Paolo d’Amico e il vicepresidente Umberto Masucci, presidente dell’International Propeller Clubs of Italy, accompagnati da esponenti del vertice di Assonave, ANCIP, Confitarma, Federagenti, Federpesca, RAM e Lega Navale, nel confermare l’impegno ad incrementare la collaborazione con la Marina Militare, hanno anche auspicato una accresciuta attenzione per il mare da parte dell’amministrazione civile e una più stretta sinergia per sensibilizzare e rinvigorire quella cultura marittima. Cultura marittima che, sia il Presidente D’amico che l’Ammiraglio Girardelli, ritengono imprescindibile per un Paese come l’Italia, che vanta grandi flotte mercantili e pescherecce e rappresenta con i suoi porti una fonte strategica di approvvigionamento per la nostra industria manifatturiera e uno dei principali punti di transito delle merci per l’intera Europa.

 

 

Al seguente link le foto dell’incontro

 

https://marinamilitare.box.com/s/umwi8lck3jbquf7epwzz5kc123gnkz29

ù

La Stampa segue sempre con attenzione i temi relativi all’economia marittima e della logistica, qui l’articolo di lancio dell’evento di MIlano del prossimo 2/3 Febbraio di Fabio Pozzo con le dichiarazioni del Segretario Generale della Federazione Carlo Lombardi: clicca su La Stampa